PRESTAZIONI A SOSTEGNO DI SOGGETTI CHE VERSANO IN CONDIZIONI DI INVALIDITA’ PERMANENTE

 

In una logica di supporto concreto ai bisogni degli iscritti, Fondo Est prevede, a far data dal 1 gennaio 2014, prestazioni per coloro che si trovino ad affrontare i disagi di una condizione di invalidità o di inabilità prolungata.



PRESTAZIONI A SOSTEGNO DI SOGGETTI CHE VERSANO IN CONDIZIONI DI INVALIDITA’ PERMANENTE

A partire dal 1 gennaio 2014, in via sperimentale, Fondo Est introduce nel proprio piano sanitario garanzie volte a fornire sostegno a soggetti che versano in condizioni di invalidità permanente.

Sono destinatari della garanzia i lavoratori iscritti a Fondo Est che durante il periodo della copertura sanitaria, hanno maturato i requisiti soggettivi di seguito indicati, in conseguenza di un evento (patologia o infortunio) insorto dal 1 gennaio 2014 in poi.

I destinatari delle prestazioni sono coloro che hanno:

a) Invalidità derivante da infortunio sul lavoro o malattie professionali certificata dall’INAIL, di grado uguale o superiore all’ 80% .

b) Invalidità per patologia certificata dall’INPS, di grado uguale o superiore all’80%.

A fronte della sussistenza dei presupposti soggettivi di cui sopra Fondo Est mette a disposizione degli iscritti, una tantum, un plafond di spesa di:

€ 6.000 per invalidità con grado compreso tra 80% e 90% 

• € 8.000 per invalidità con grado compreso tra 91% e 100% 

per il rimborso delle seguenti prestazioni:

1. Prestazioni sanitarie di tipo diagnostico/terapeutico e infermieristico, domiciliari e/o ambulatoriali, purché collegate alla patologia (cioè finalizzate al monitoraggio della patologia medesima o all’eventuale recupero funzionale) o, se svincolate dalla patologia, rese necessarie in forma domiciliare per deficit certificati 

2. Prestazioni di fisioterapia purché collegate alla patologia (cioè finalizzate all’eventuale recupero funzionale) o, se svincolate dalla patologia, rese necessarie in forma domiciliare per deficit certificati

3. Presidi e ausili sanitari (acquistati e/o noleggiati)

4. Presidi finalizzati al supporto per deficit motori (es. servoscala,veicoli per supporto movimenti,etc.)

5. Assistenza psicologica/psichiatrica

6. Personale di supporto per le normali attività quotidiane (badanti, colf).

Le prestazioni ammesse a rimborso dovranno, comunque, essere effettuate al massimo entro i due anni successivi alla certificazione dell’invalidità.

Per informazioni più dettagliate puoi consultare la guida alle prestazioni a sostegno di soggetti che versano in condizioni di invalidita’ permanente”.

La domanda di rimborso deve essere inviate a:

FONDO EST
Ufficio Liquidazioni
Via Cristoforo Colombo, 137 – 00147 Roma 

 

“Scarica il modulo di rimborso”


PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER IL TRAMITE DI UNISALUTE

Nella stessa logica di supporto concreto agli iscritti viene ampliato anche il Piano Sanitario ad erogazione per il tramite di Unisalute.

Dal primo gennaio 2014 vengono previste aree di intervento per:

1. L'Ospedalizzazione domiciliare a seguito di malattia e infortunio per ricoveri chirurgici già previsti dal Piano sanitario 

2. Servizi di assistenza globale integrata organizzazioni di servizi, noleggio ausili medico-sanitari a seguito di ricovero medico/chirurgico per neoplasie maligne

3. Ospedalizzazione domiciliare a seguito di malattie e infortunio/ricoveri medici elencati in garanzia.

Per informazioni più dettagliate consulta la Guida 2016” oppure chiama il numero 800.01.66.48

 

24/12/2013
Documenti disponibiliDimensione
Guida 2016 Invalidita Permanente3.9 MB
Guida 20161.3 MB